Insegnamento
MEDICINA INTERNA 1 (PERCORSO BIOMEDICO E UMANISTICO) (Logistica Padova)
MEP3055244, A.A. 2017/18

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Laurea magistrale ciclo unico 6 anni in
MEDICINA E CHIRURGIA (Ord. 2009)
ME1727, ordinamento 2009/10, A.A. 2017/18
1102437
Crediti formativi 8.0
Denominazione inglese INTERNAL MEDICINE
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Medicina (DIMED)
Obbligo di frequenza
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA

Docenti
Responsabile ROBERTO VETTOR MED/09
Altri docenti LUCA BUSETTO MED/09
ANDREA ERMOLAO MED/09
PAOLA FIORETTO MED/09

Mutuante
Codice Insegnamento Responsabile Corso
MEP3055102 MEDICINA INTERNA 1 (PERCORSO TRADIZIONALE) (Logistica Padova) ROBERTO VETTOR ME1727

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Fisiopatologia, metodologia clinica, propedeutica clinica e sistematica medico-chirurgica MED/09 1.0
CARATTERIZZANTE Formazione clinica interdisciplinare e medicina basata sulle evidenze MED/09 6.0
CARATTERIZZANTE Medicina delle attività motorie e del benessere MED/09 1.0

Modalità di erogazione
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso V Anno
Modalità di erogazione frontale

Organizzazione della didattica
Tipo ore Crediti Ore di
Corso
Ore Studio
Individuale
Turni
ATTIVITÀ DIDATTICHE A PICCOLI GRUPPI 0.0 120 0.0 Nessun turno
LEZIONE 8.0 80 120.0 Nessun turno

Calendario
Inizio attività didattiche 02/10/2017
Fine attività didattiche 19/01/2018

Commissioni d'esame
Nessuna commissione d'esame definita

Syllabus
Prerequisiti: Lo studente deve possedere una buona conoscenza di: Fisiologia, Fisiopatologia, Metodologia Clinica, Farmacologia, Specialità d’organo delle malattie, Medicina di Laboratorio, Anatomia Patologica.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Durante il corso di Medicina Interna 1 gli studenti dovranno acquisire:
- le conoscenze scientifiche, la metodologia e la preparazione teorico-pratica indispensabili per un corretto approccio al paziente internistico; in particolare la capacità di:
- instaurare con il paziente, nel rispetto dei suoi valori, un corretto rapporto relazionale mediante lo sviluppo dell’ascolto attivo al fine di cogliere la dimensione “biografica” della malattia.
- rilevare nei pazienti gli aspetti principali del quadro clinico (dimensione biologica della malattia) in modo da poter sospettare in questi l’esistenza della malattia e di saperne impostare l’iter diagnostico.
- Definire, nella frequente complessità multidimensionale presentata dai pazienti internistici, gli obiettivi perseguibili con l’intervento diagnostico-terapeutico ed assistenziale.
- Impostare e/o monitorare la terapia più idonea al particolare stato morboso tenendo presentile linee guida, le interferenze farmacologiche, gli eventuali effetti collaterali e le eventuali controindicazioni.
- Comunicare al paziente e ai suoi familiari l’l’ipotesi diagnostica, l’iter diagnostico/terapeutico e la prognosi.
Gli argomenti del Programma di Medicina Interna, rivolto a Studenti del V anno di Medicina e Chirurgia, sono scelti con la finalità di approfondire i principi di base del metodo di approccio allo studio: la base concettuale e applicativa della EBM, della precision medicine e degli orientamenti metodologici attuali in tema di diagnosi e soprattutto la terapia e la rilevanza delle differenze di genere, sotto il profilo fisiopatologico, clinico e terapeutico.
Il Corso di Medicina Interna 1 rappresenta il passaggio dalla fase delle conoscenze teoriche, acquisite negli anni precedenti, alla fase dell’applicazione pratica di tali conoscenze: dall’interpretazione dei sintomi e segni di malattia all’ipotesi diagnostica, all’impostazione dell’iter diagnostico e terapeutico. Lo studente apprende quindi ad integrare le informazioni ricavate dall’anamnesi e dall’esame obiettivo con i reperti laboratoristici e strumentali delle singole patologie e ad impostare il ragionamento clinico-diagnostico che conduce alla diagnosi. Allo studente viene inoltre insegnato l’uso di un linguaggio clinico nella presentazione, comunicazione e documentazione dei casi, e la compilazione della cartella clinica
Modalita' di esame: Al termine del corso di Medicina Interna 1 è previsto un esame finale orale sul programma, integrato da prova pratica che consisterà nella compilazione di una cartella clinica e nella discussione dell’iter diagnostico terapeutico relativo al caso.
Criteri di valutazione: Presenza a lezione e all'attività teorico-pratica; valutazione attività teorico-pratica da parte dei tutor; valutazione esame orale finale comprensivo della discussione del caso clinico.
Contenuti: Obiettivi del corso
- individuare i problemi del paziente (personali, ambientali, sociali, soggettivi e obiettivi), definirli dal punto di vista medico-scientifico, comprenderne il significato dal punto di vista fisiopatologico e categorizzarli in base alla gravità e all’urgenza
- individuare il paziente con instabilità, con criticità, con disabilità
- conoscere e applicare la valutazione multidimensionale del paziente cronico
- saper valutare lo stato di fragilità
- saper interpretare i problemi con formulazione delle ipotesi diagnostiche e della diagnosi differenziale
- stabilire la priorità delle ipotesi diagnostiche, in base alla gravità e all’urgenza dei problemi del paziente
- escludere le patologie o gli eventi clinici a maggior rischio di vita per il paziente, attraverso una adeguata selezione delle indagini diagnostiche
- conoscere i test diagnostici riferiti ai vari organi e apparati e le loro caratteristiche di sensibilità, specificità; conoscere le procedure di diagnosi
- conoscere e saper formulare la probabilità pre-test e post-test e il teorema di Bayes
- conoscere i principali argomenti di metodologia generale e di logica generale e clinica.
- conoscere il concetto di falsificazione e di verifica delle ipotesi diagnostiche
- familiarizzare con il concetto di incertezza diagnostica e clinica
- conoscere le principali strategie per stabilizzare il paziente instabile o critico
- conoscere e attivare il processo della continuità delle cure
- conoscere la prognosi delle principali malattie e la storia naturale delle stesse
- conoscere i concetti di fattori di rischio e di fattori di prognosi
- conoscere le decisioni cliniche necessarie per modificare la prognosi delle malattie
- Stabilire un’adeguata comunicazione con il paziente e con i famigliari, considerando gli aspetti personali, familiari, ambientali e sociali
• Argomenti trattati:
• Insufficienza cardiaca
• Cardiopatia ischemica
• Fibrillazione atriale
• Insufficienza renale
• Diabete
• Ipertensione arteriosa
• Insufficienza respiratoria
• Malattie epatiche
• Malattie della Tiroide
• Malattie reumatiche e vasculiti (specificata mente LES, Artrite reumatoide, sclerodermia e polimialgia-Horton)
• Porpore e piastrinopenie
• Sindromi con malnutrizione e da malassorbimento
• Obesità
• Malattie dispeptiche esofago-gastro-duodenali (inclusa patologia da Helicobacter Pylori)
• Affezioni infiammatorie, granulomatose, neoplastiche e/o disfunzionali del tenue e del colon.
• Anemie
• Febbri di origine sconosciuta (diagnostica anche con febbre periodica mediterranea, osteoma, osteoide, altro)
• Le cefalee e le vertigini: elementi di interesse internistico • BPCO, Pneumopatie interstiziali, sindromi da apnea notturna
• Sindrome metabolica
• Malattie con steatosi epatica
• Malattie metaboliche delle ossa
• Dislipidemie
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Parte teorica
Lezioni frontali e attività seminariali
Parte pratica
Consiste nella rotazione nel Reparto di Clinica Medica 3, durante la quale lo studente viene affidato ad un tutor, che lo guiderà nelle attività di reparto. Lo studente apprenderà, sotto supervisione dei tutori del Corso e dei loro assistenti, tutte le pratiche, manualità e gli adempimenti che sono compito dei medici. In particolare:
1. Anamnesi, esame obiettivo.
2. Lista dei problemi.
3. Diagnosi differenziale e iter diagnostico, durante il quale dovrà richiedere gli esami opportuni e seguirne l’iter, andando di persona in Radiologia a discuterne col radiologo, in Microbiologia a discuterne col microbiologo, etc.
4. Terapia del paziente, indicando i farmaci, i dosaggi, la durata, le possibili complicanze e tossicità.
5. Educazione del paziente, che viene informato della natura della malattia, del motivo degli esami e della terapia praticata, e coinvolto nella terapia cronica e nei programmi preventivi che lo riguardano.
6. Lettera al Medico curante, che riassuma concisamente tutte le informazioni precedenti e che contenga gli elementi per una fattiva collaborazione al fine di dare il più fattivo aiuto al medico.
7. Programma di controllo periodico a distanza per sorvegliare l’evoluzione della malattia ed il risultato della terapia
Eventuali indicazioni sui materiali di studio: Vedi indicazione testi
Testi di riferimento:
  • Harrison, Principles of Internal Medicine. --: --, 2015. 19/E (Vol.1 & Vol.2) 19th Edition Cerca nel catalogo
  • Fradà,, Semeiotica medica nell'adulto e nell'anziano.. Padova: Piccin, 2014. Cerca nel catalogo
  • FEDERSPIL G.,, Logica Clinica. I principi del metodo in medicina.. --: McGraw-Hill,, --. Cerca nel catalogo
  • Goldman-Cecil, Medicine,. --: --, --. Cerca nel catalogo