Corsi di Laurea Corsi di Laurea Magistrale Corsi di Laurea Magistrale
a Ciclo Unico
Scuola di Economia e Scienze politiche
ECONOMIA INTERNAZIONALE
Insegnamento
STATISTICA ECONOMICA
SPL1000282, A.A. 2014/15

Informazioni valide per gli studenti immatricolati nell'A.A. 2013/14

Principali informazioni sull'insegnamento
Corso di studio Corso di laurea in
ECONOMIA INTERNAZIONALE (Ord. 2013)
SP1418, ordinamento 2013/14, A.A. 2014/15
N0
porta questa
pagina con te
Crediti formativi 9.0
Tipo di valutazione Voto
Denominazione inglese ECONOMIC STATISTICS 
Dipartimento di riferimento Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali "Marco Fanno"
Obbligo di frequenza No
Lingua di erogazione ITALIANO
Sede PADOVA
Corso singolo È possibile iscriversi all'insegnamento come corso singolo
Corso a libera scelta È possibile utilizzare l'insegnamento come corso a libera scelta

Docenti
Responsabile CLAUDIA FURLAN SECS-S/01

Dettaglio crediti formativi
Tipologia Ambito Disciplinare Settore Scientifico-Disciplinare Crediti
CARATTERIZZANTE Statistico-matematico SECS-S/03 9.0

Organizzazione dell'insegnamento
Periodo di erogazione Primo semestre
Anno di corso II Anno
Modalità di erogazione frontale

Tipo ore Crediti Ore di
didattica
assistita
Ore Studio
Individuale
LEZIONE 9.0 63 162.0

Calendario
Inizio attività didattiche 22/09/2014
Fine attività didattiche 24/01/2015

Commissioni d'esame
Commissione Dal Al Membri
4 Commissione A.A. 2014/15 01/10/2014 30/09/2015 FURLAN CLAUDIA (Presidente)
DALLA VALLE ALESSANDRA (Membro Effettivo)
GUSEO RENATO (Membro Effettivo)

Syllabus
Prerequisiti: Padronanza degli strumenti teorici e informatici di un corso di base di Statistica.
Conoscenze e abilita' da acquisire: Il corso di statistica economica qui proposto mira a fornire le idee chiave della disciplina nel particolare contesto delle attività d'impresa. Gli strumenti tecnici e le conoscenze dei software necessari per il trattamento dell'informazione vengono sviluppati ponendo una speciale attenzione sia sugli aspetti di merito sia sugli apparati tecnici ritenuti idonei ed efficaci. Il corso si svolge seguendo una logica di tipo seminariale per stimolare le capacità
critiche e costruttive dello studente.
Modalita' di esame: Prova scritta individuale sulle tematiche affrontate durante le lezioni frontali in aula.
La prova scritta consiste di una serie di domande a risposta aperta e da almeno una domanda contenente un modello statistico sviluppato su di un problema reale con il software statistico Statgraphics che lo studente è chiamato a commentare e circostanziare secondo quanto verrà specificatamente richiesto.
Criteri di valutazione:
Contenuti: -Rapporti statistici.
PIL nominale e reale. Calcolo del PIL secondo i metodi del valore aggiunto, del reddito e della spesa.
Variazioni percentuali. Variazione percentuale del PIL nominale e reale.
Numeri indici semplici a base fissa e mobile. Paniere dell’Istat. Numeri indici dei prezzi al consumo di Laspeyres e di Paasche. Casi particolari: l'indice nazionale dei prezzi al consumo per l'intera collettività (NIC), l'indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI), l'indice armonizzato dei prezzi al consumo per i paesi dell'Unione Europea (IPCA), il deflatore del PIL. Calcolo dell’inflazione attraverso il NIC e il deflatore del PIL.

-Richiami delle variabili casuali.
Funzione di ripartizione e densità. Valore atteso e varianza. Variabili casuali discrete e continue. Variabili Binomiale, Poisson, Normale e t-Student.

-Inferenza.
Rappresentatività del campione. Stimatore puntuale e stima puntuale. La variabile casuale media campionaria con relativa distribuzione. Stimatore e stima intervallare. Intervallo di confidenza bilaterale e unilaterale per la media (varianza nota e ignota) e la proporzione. Verifica d'ipotesi bilaterale e unilaterale per la media (varianza nota e ignota) e la proporzione. Errori di I e II tipo. p-value.

-Controllo della qualità.
Carta di controllo di Shewhart, con limiti a 2 e a 3 sigma. Scelta tra i limiti a 2 e a 3 sigma tramite il collegamento con la verifica d'ipotesi. Dimensione del campione e frequenza di campionamento: ARL e ATS.
Carta di controllo per variabili. Carta X e carta R. Carta X e carta S.
Carte di controllo per attributi. Carta p e np. Carta C. Carta U.
Campionamento in accettazione. Piani di campionamento per attributi semplice e doppio. Curva operativa caratteristica OC. Curva OC ideale. AQL. LTDP. Ispezione con rettifica. AOQ, AOQL, ATI. Piani AOQL e LTDP.

-Segmentazione dei mercati.
Concetti generali. Segmentazione dei prodotti e della clientela. Segmentazione a priori e a posteriori. Cluster analysis: scelta variabili, standardizzazione, scelta della metrica, valutazione del grado di prossimità dei profili, multicollinearità. Metodi gerarchici per la formazione dei gruppi. Metodi di aggregazione (centroide, legame singolo, legame completo, di Ward). Dendrogramma.

-Modello di regressione multipla.
Richiami e approfondimenti: matrice di correlazione, trattamento della multicollinearità, stepwise regression. Codifica delle variabili: Variabili Dummy. Interpretazione dei coefficienti. Varianza spiegata e varianza residua. Indice di determinazione. Applicazioni di tipo economico.

-Modello di regressione logistica.
Concetti generali. Funzione logit. Stima dei parametri tramite il metodo di massima verosimiglianza. Interpretazione dei coefficienti. Test sui coefficienti basato sul rapporto di verosimiglianza. Valutazione della bontà di adattamento del modello tramite l'analisi della varianza. Cenni alla classificazione tra due gruppi.

-Customer satisfaction.
Applicazione del modello di regressione multipla e del modello di regressione logistica per spiegare e prevedere la soddisfazione della clientela.

-Analisi discriminante.
Concetti generali. Funzioni discriminanti. Stima dei coefficienti delle funzioni discriminanti. Correlazioni canoniche. Test Chi Quadro sulle correlazioni canoniche. Centroidi. Funzioni di classificazione. Percentuali di casi correttamente classificati.

-Serie storiche.
Concetti generali. Definizione di serie storica. Campi di applicazione. Componenti della serie storica: trend, ciclo, stagionalità. Stima del trend tramite le medie mobili centrate. Previsioni tramite le medie mobili e il metodo del lisciamento esponenziale.
Attivita' di apprendimento previste e metodologie di insegnamento: Lezioni frontali integrate con esercitazioni, discussione di applicazioni, partecipazione a due incontri di laboratorio,
interazione con il software professionale Statgraphics scaricabile gratuitamente previa richiesta (vedasi la procedura alla pagina http://homes.stat.unipd.it/guseo/teaching.html).
Eventuali indicazioni sui materiali di studio:
Testi di riferimento:
  • GUSEO, R., Organizzazione statistica dell'informazione e scelte di gestione: Teoria, Tecniche e Mini-Stage Aziendali (seconda edizione). Padova: CEDAM, 2004. Cerca nel catalogo
  • MONTGOMERY, D. C., Controllo statistico della qualità. Milano: McGraw-Hill Libri Italia, 2006. Testo di Consultazione Cerca nel catalogo
  • GUSEO, R., Statistica. Padova: CEDAM, 2006. Testo di Consultazione Cerca nel catalogo
  • TASSINARI, F. E BRASINI, S., Lezioni di Statistica Aziendale. Bologna: Società Editrice Esculapio, 2000. Cerca nel catalogo